About Claudio Facchinelli

Claudio Facchinelli, nato il 18 dicembre 1943 a San Vincenzo della Fonte (già – e attualmente – Saint-Vincent); già matematico – non pentito – ma umanista nel cuore, già assistente alla regia, già preside, già promotore dell’attività teatrale nelle scuole, già impegnato nella memoria della Shoah; già collaboratore di Hystrio e di Sipario, già Lumpatius Vagabundus; legato a un amore non del tutto ricambiato per la lingua russa; ufficialmente critico teatrale ma, più propriamente, spettatore professionale. Fra le cose più recenti ha pubblicato Dramatopedia – Spunti di storia, etica e poetica per il teatro della scuola (Edizioni Corsare) e Dosvidania, Nina! (Sedizioni), già tradotto e pubblicato a Mosca e ad Amsterdam. Sulla sua tomba amerebbe fosse scritto: “Qui giace Claudio Facchinelli che, per tutta la vita, ha rincorso le parole e le donne”.

Prende forma ROTHOLANDUS, da aggregazioni e grappoli di idee

By | 25 Marzo, 2016|Recensioni, Teatro|

Prima che per la qualità spettacolare, una serata di beneficenza si qualifica per l’affluenza del pubblico, la validità degli obiettivi sociali o umanitari, la generosità degli artisti che vi prestano la loro opera. Elementi, questi, che avevano positivamente caratterizzato negli anni passati le serate organizzate a favore dell’ospedale Alyn di Gerusalemme, punto di eccellenza pediatrica [...]

Commenti disabilitati su Prende forma ROTHOLANDUS, da aggregazioni e grappoli di idee

“Beyond Vanja” e “Vanja”, a Milano Cechov è di moda

By | 23 Febbraio, 2016|Recensioni, Teatro|

Verrebbe da dire che, quest’anno, a Milano si porta Čechov (anche se non ricorrono centenari). Dopo un brillante Ivanov visto al Parenti, dopo un ardito Gabbiano in scena al Piccolo, due giovani compagnie, con diverse modalità di approccio, si sono cimentate con Zio Vanja. Non stupisce che uno dei più grandi e affascinante testi del [...]

Commenti disabilitati su “Beyond Vanja” e “Vanja”, a Milano Cechov è di moda

“Parassiti Fotonici”, Bruno Fornasari propone un testo sfuggente e inquietante

By | 19 Febbraio, 2016|Recensioni, Teatro|

In una delle ultime produzioni di Philip Ridley, Parassiti Fotonici, proposto dal Teatro Filodrammatici di Milano all’inizio di febbraio, si possono cogliere suggerire riferimenti al Macbeth, al Faust, ma si tratta di un testo sfuggente, inquietante, che può anche sortire nel pubblico un irritato sconcerto. In effetti, non è facile tracciare un profilo critico di [...]

Commenti disabilitati su “Parassiti Fotonici”, Bruno Fornasari propone un testo sfuggente e inquietante

Virgilio brucia nella suggestione del pubblico

By | 7 Febbraio, 2016|Recensioni, Teatro|

Da un’osservazione superficiale dell’itinerario artistico di Anagoor, piccola ma ormai affermata compagnia di Castelfranco Veneto, sembrerebbe evidenziarsi una contraddizione fra l’interesse per la ricerca e l’innovazione – proposta in un territorio ove il teatro è principalmente diffuso nelle sue forme più tradizionali – e una evidente inclinazione verso il mondo classico. Contraddizione solo apparente. È [...]

Commenti disabilitati su Virgilio brucia nella suggestione del pubblico

“Gaudeamus” torna a Milano dopo 25 anni

By | 3 Febbraio, 2016|Recensioni|

Per pochi giorni, dopo 25 anni è tornato a Milano Gaudeamus, che aveva rivelato Lev Dodin al mondo: allora, strabiliante scoperta di un linguaggio teatrale inconsueto, che rinnovava ancora una volta, dopo Ljubimov, i fasti della tradizione registica russa; oggi, uno spettacolo che mantiene tutto il suo trascinante fascino. Quella ventina di giovani attori che [...]

Commenti disabilitati su “Gaudeamus” torna a Milano dopo 25 anni

“Gabbiano”, al Piccolo Teatro Studio Melato la affascinante ambiguità di Čechov

By | 19 Gennaio, 2016|PRIMA PAGINA, Recensioni|

Di fronte all’interpretazione, sicuramente originale e coraggiosa che Carmelo Rifici ha offerto del Gabbiano, vien naturale porsi un’annosa, ricorrente domanda: quali sono i limiti alla libertà che il regista può legittimamente prendersi sull’autore? Nel caso di Čechov, fu proprio Stanislavskij a realizzare letture registiche che Anton Pavlovič non condivideva, ma che contribuirono alla fortuna dei [...]

Commenti disabilitati su “Gabbiano”, al Piccolo Teatro Studio Melato la affascinante ambiguità di Čechov

“Due donne che ballano”. L’opera dal sapore vagamente surrealista, presto in tournée

By | 31 Dicembre, 2015|PRIMA PAGINA, Recensioni|

L’avarizia di informazioni relative a Josep Maria Benet i Jornet recuperabili su Wikipedia – ormai assunto universalmente, nel bene e nel male, quale garante di ciò che esiste, o non esiste – è di per sé un dato su cui riflettere: nulla in italiano, salvo le poche notizie desumibili dai siti di due teatri che [...]

Commenti disabilitati su “Due donne che ballano”. L’opera dal sapore vagamente surrealista, presto in tournée

Don Giovanni – Festino ai tempi della peste

By | 10 Dicembre, 2015|Recensioni|

Pur essendo vissuto meno di quarant’anni, Puškin (quasi esattamente coevo del nostro Leopardi) ha lasciato una ingente produzione letteraria. Da questo patrimonio poetico e teatrale i musicisti russi della generazione successiva, da Glinka a Dargomižkij, a Musorgskij, a Čajkovskij, avrebbero attinto a piene mani, traendone vuoi testi per romanze, vuoi libretti per opere liriche. A [...]

Commenti disabilitati su Don Giovanni – Festino ai tempi della peste

In capo al Mondo – in viaggio con Walter Bonatti

By | 20 Novembre, 2015|Recensioni, Teatro|

Il nome di Walter Bonatti forse ai più giovani dice poco, ma chi, per età, ha memoria della conquista del K2 (la seconda vetta del mondo, dopo l’Everest), avvenuta nel ’54, o dei reportage che la rivista Epoca è andata pubblicando fino alla metà degli anni Settanta, se lo ricorda. Bonatti è stato uno dei [...]

Commenti disabilitati su In capo al Mondo – in viaggio con Walter Bonatti

“Vita di Galilei”, Gabriele Lavia firma uno spettacolo “altro”

By | 2 Novembre, 2015|PRIMA PAGINA, Recensioni|

GABRIELE LAVIA (ph Filippo Milani) Pochi avvenimenti teatrali hanno lasciato una traccia profonda come la strehleriana Vita di Galileo , di Bertolt Brecht. A ciò contribuiva anche il momento storico. Da una parte, lo spettacolo si leggeva come denuncia del potere di manipolazione ideologica e culturale della chiesa, in una stagione non ancora [...]

Commenti disabilitati su “Vita di Galilei”, Gabriele Lavia firma uno spettacolo “altro”