A Milano, per il sesto anno consecutivo si rinnova l’incontro con la cultura. Dopo il successo riscosso nel 2012 dall’esposizione di “Amore e Psiche”, anche questa volta, la città avrà la possibilità di ammirare un’ennesima opera d’arte di equivalente e straordinaria bellezza: la “Madonna di Foligno” di Raffaello”Sanzio. L’atteso evento natalizio, nasce dal desiderio di dare gratuitamente, ad un pubblico esteso,l’opportunità di approfondire la relazione con un unico capolavoro che sarà visionabile sino al 12 gennaio 2014,nella Sala Alessi di Palazzo Marino, sancendo così la collaborazione tra Eni, Comune e Musei Vaticani. Il dipinto in questione è un olio su tavola, trasportata su tela (320 × 194 cm) e databile al 1511-1512, (conservato nella Pinacoteca Vaticana) uno degli apici della pittura universale, dal valore inestimabile per contenuto ed espressività . A commissionarlo fu Sigismondo de’ Conti, segretario di papa Giulio II, come ex voto, dopo che un fulmine (o un bolide)colpì la sua casa di Foligno lasciandola incolume. L’opera rappresenta la Vergine Maria seduta su una nuvola con Gesù Bambino tra le braccia,circondata da una corona di cherubini mentre appare in una visione all’imperatore Augusto nel giorno di Natale,inginocchiati ai suoi piedi san Giovanni Battista, san Francesco, il committente e san Girolamo,suggestivamente dipinti a grandezza naturale, al punto che chi osserva ha la sensazione di essere parte integrante della scena.

Fabiana Laganà