“The Prism Vol 1 – Burn” è la storia introduttiva ai personaggi di questo lavoro firmato da Matteo De Longis.

La musica potrebbe essere l’arma perfetta per salvare la Terra.

prism

prism copertina

Assolutamente utopico e assurdo sulla carta, ma probabilmente funzionale nella sua fattibilità.

Sembra assurdo poter salvare la Terra con la musica, eppure è proprio questo che ci si accingerà a fare.

Lo scenario che ci presenta “The Prism”, graphic novel firmato in testi e disegni da Matteo De Longis ci trasporta in un futuro utopico.

La storia vede infatti la Terra letteralmente contaminata, ricordando i danni all’ecosistema che effettivamente possiamo vedere anche noi.

Questa incredibile minaccia potrebbe essere in qualche modo arginata da un potere incommensurabile, quello della musica.

Per provare a sistemare le cose salta fuori l’idea di formare una band composta da artisti solisti.

Ma la particolarità è che la band verrà letteralmente mandata in orbita per una sorta di tour planetario.

Il nuovo lavoro pubblicato da Bao Publishing è dannatamente rock sia nella vicenda narrata sia nella sua presentazione.

Lo stile grafico infatti ricorda moltissimo i lavori video di band come i Daft Punk, come un trip psichedelico ma anche molto vivido e futuristico.

Questa scelta sicuramente abbraccia alla perfezione e con coerenza il tipo di storia raccontato che omaggia anche molti altri mostri sacri.

La strizzata d’occhio agli anime giapponesi è assolutamente palese, con dei richiami visibili per chi è appassionato del settore.

prism

prism retro

Lo stile meccanico e proiettato verso il futuro può infatti ricordare molto Ghost in the Shell, ma non mancano vaghi omaggi a lavori come Neon Genesis Evangelion.

Le tavole sono tutte digitalizzate con disegni morbidissimi e colorazioni vivide e fluide anche nei movimenti dei protagonisti.

Ogni vignetta infatti sembra estrapolata da un vero e proprio film di animazione, rendendo la lettura più vicina alla visione di un anime che ad un vero graphic novel.

In questo primo libro troviamo una sorta di preparazione a quello che accadrà, con la presentazione dei personaggi.

Fin da subito appaiono chiari alcuni caratteri molto ben marcati come quello della conturbante e sbarazzina Alice o l’indole particolare di Yu.

Lo stile moderno e accattivante di “Prism” permette di godere di una lettura fresca e piacevole che incuriosisce fin da subito.

Un lavoro decisamente accattivante sotto diversi punti di vista che ha gettato le basi per una storia che entrerà però nel vivo solo nei prossimi volumi.