Per la seconda volta l’organizzazione della “Festa a mare agli Scogli di Sant’Anna” è stata affidata ad un volto già noto nel settore degli eventi artistici e culturali: Mariagrazia Nicotra, scenografa e AAA_0641 (2)

costumista teatrale e cinematografica, prima donna ad aver rivestito tale ruolo. Si tratta di un appuntamento unico ed affascinante, che nel mese di luglio impreziosisce e anima la meravigliosa baia dell’isola d’Ischia sovrastata dal maestoso Castello Aragonese, portando alla luce antiche tradizioni e memorie legate ai luoghi con rappresentazioni reali, storiche o fantasiose di scene di vita isolana.
Dal 23 al 26 luglio 2016, dunque, gli ischitani e non solo, celebreranno l’84 esima edizione della commemorazione dedicata alla Santa, nata per ricordare la processione che un tempo le partorienti, delle quali è protettrice, erano solite fare per venerare la sua effigie collocata in una cappella nella Baia di Cartaromana, accompagnate da barche di pescatori addobbate per l’occasione con ghirlande di fiori. Il tema di quest’anno sarà il “mare e i suoi viaggi”: nello specifico si tratterà “l’Odissea”. Quattro associazioni si cimenteranno nella realizzazione di imbarcazioni che sfileranno lungo un percorso ricco di suggestione, dove la natura si confonde con la storia, le quali partendo dal mare si spingeranno fino a raggiungere 11743830_1028823330462268_1501344471_o
la montagna. Altri protagonisti dell’evento saranno i numerosi ospiti d’eccellenza, la simulazione dell’incendio del Castello Aragonese e il meraviglioso spettacolo di fuochi pirotecnici che i turisti e gli isolani potranno ammirare seduti sugli scogli del pontile aragonese o nelle barche, visibile anche dall’ isola di Procida e di Capri. La “Festa a mare agli scogli di Sant’Anna” è senza ombra di dubbio, la più importante e spettacolare manifestazione estiva dell’isola, che seppur antica, ogni volta viene svecchiata dal lavoro di artisti che puntano alla valorizzazione dell’identità locale lasciando il mare come protagonista principale.

Fabiana Laganà