E’ una bella giornata per Cres, un giovane ragazzo che trova sulla sua strada un falco ferito che porta immediatamente a casa per farlo curare dalla propria famiglia. E’ felice di essere d’aiuto per un essere vivente, probabilmente già immagina un’amicizia con questa rapace creatura che spera gli sia grata per il servizio svolto, andando altrimenti incontro a morte certa.

Cres non sa che quello stesso giorno qualcosa cambierà nella sua vita, perdendo una parte importante di sè, legata a qualcosa probabilmente più grande di lui, attivando un meccanismo che lo porterà ad adempiere ad una missione forse più grande di lui. E’ questa a grandi linee la trama di “Crescent“, lavoro di Laura Guglielmo per la Attaccapanni Press.

Si tratta di una miniserie in 3 parti che fa conoscere ai lettori una famiglia fuori dal comune, in un mondo lontano dal nostro, dove la magia non è un’attività poi così lontana e dove un parafulmini potrebbe nascondere un grande segreto, trasformandosi in uno strumento che richiama un legame ancestrale ed un potere fuori dal comune.

Con un tratto lineare e pulito, il lavoro si lascia leggere come se fosse un bicchier d’acqua. Le linee squadrate che contraddistinguono i volti dei protagonisti ben si adattano ad alcuni lati della storia dal vigore particolarmente tagliente, come la stessa lama che entrerà nella vita di Cres per renderlo probabilmente più uomo.

Le tre parti della storia si suddividono in modo netto con cambi di scena molto precisi che mettono in evidenza un continuo di narrazione che porta avanti il cammino del protagonista, scoprendo creature magiche che sorprenderanno tanto i personaggi dell’opera che i lettori stessi.

 

Gaetano Cutri