FAI 2FAI, Fondo Ambiente Italia, fondata il 28 Aprile del 1975 su un’idea di Elena, figlia del filosofo Benedetto Croce con l’obiettivo di tutelare il patrimonio culturale nel rispetto della natura, dell’arte e delle tradizioni del nostro paese, dimenticarne le radici, la proveniva significherebbe dimenticare chi siamo, perdere dunque la nostra’identità, la FAI si impegna affinché quest’identità non vada perduta puntando sulla tutela e valorizzazione del territorio, educazione e sensibilizzazione, vigilanza ed intervento.

La FAI annuncia la XXII edizione delle Giornate FAI della Primavera, 22-23 marzo 2014, che vedranno l’apertura di 750 luoghi d’interesse culturale sparsi in tutte le regioni d’Italia, siti archeologici, castelli, chiese, giardini, musei e borghi.

Come tutte le altre edizioni, anche quella di quest’anno ha un tema; l’Imperatore Augusto, amante sì dell’arte, ma grande uomo politico che riformò e ordinò vari aspetti sociali, politici e militari, riportando ai fasti antichi l’Impero Romano. Per ricordare l’Imperatore Augusto,  dei 750 luoghi aperti alle Giornate FAI di Primavera 250 rivelano la storia di questo grande uomo,  una scelta mirata a presentare la figura di Augusto  come ispirazione per la rinascita del nostro paese.

 

L’elenco dei luoghi aperti è riportato sul sito web ufficiale del Fondo Ambiente Italia (http://www.giornatefai.it/home.htm) dove sarà possibile scegliere per regione, ad esempio

la Lombardia (http://www.giornatefai.it/luoghi/default.aspx?r=lombardia),

il Lazio (http://www.giornatefai.it/luoghi/default.aspx?r=lazio),

la Puglia (http://www.giornatefai.it/luoghi/default.aspx?r=puglia),

la Sicilia (http://www.giornatefai.it/luoghi/default.aspx?r=sicilia),

la Sardegna (http://www.giornatefai.it/luoghi/default.aspx?r=sardegna).

Iscrivendosi alla FAI (http://sostienici.fondoambiente.it/iscriviti.aspx?trkcd=LISCSSGFP14) sarà possibile, oltre a sostenere l’iniziative, godere di alcune guide ed escursioni esclusive.

Tutto ciò è stato possibile grazie al continuo sostegno di Mercedes-Benz, Ferrarelle e per la prima volta di Banca Generali, con la collaborazione del Gruppo Editoriale L’Espresso, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, il Patrocinio della Commissione europea, il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile, con il concorso di numerose Regioni Italiane. Con il Patrocinio di RAI – Radiotelevisione italiana.

Sarah Bravaccino