Il cantante e bassista greco, Demis Roussos, è morto all’età di 69 anni ad Atene nella notte fra sabato e domenica. Ad annunciarlo su Twitter è stato Nikos Aliagas, amico dell’artista e animatore del talent francese Tf1, The voice. La notizia inizialmente smentita è stata poi confermata dalla figlia Emily sentita da Le figaro.

Con la sua voce dal timbro caldo e vellutato e di particolare estensione, Roussos era riuscito a coniugare la tradizione del canto ellenico con l’esigenze melodiche del pop, abbracciando lungo la sua carriera i più disparati stili dal rock progressivo degli Aphrodite’s Child alla disco music di Dance of Love.

Artemios Ventouris Demis Roussos era nato da una famiglia greca ad Alessandria d’Egitto il 15 giugno del 1946  ed era ritornato nel suo paese d’origine in seguito alla crisi di Suez del 1956.  Aveva studiato il solfeggio, la chitarra e la tromba ma nel ruolo di bassista conobbe la grande popolarità.

Dopo aver militato in alcuni gruppi come The idols e We five entra a far parte degli Apfrodite’s Child , band prog rock  che ha prodotto singoli di successo planetario come “It’s Five O’clock e “Rain And Tears“, poi “Spring, Summer“, “Winter And Fall“, “I Want To Live” e un album 666” considerato un capolavoro del prog internazionale.

Di questo gruppo ha fatto parte come cantante solista fino al suo scioglimento collaborando in seguito col tastierista, Vangelis Papathanassiou, divenuto celebre compositore di colonne sonore col nome di Vangelis (Momenti di Gloria, Blade Runner, Alexander).

La sua carriera da solista ha raggiunto l’apice negli anni ’70. In Italia vinse il Festivalbar del 1971 con Shall we dance” mentre il singolo “Forever and Ever” fu primo nelle classifiche di molti paesi nel 1973. Altre hit di successo furono “My Friend the Wind”, “My Reason” e “Lovely Lady of Arcadia”. Molto nota fu anche una sua versione di “Lost in Love degli Air Supply.

Dopo l’esperienza drammatica di un dirottamento aereo – era tra i passeggeri del volo TWA 847, sequestrato da un commando di terroristi legato ad Hezbollah, il 14 giugno 1985 – Roussos cercò una svolta nella sua vita artista con LP “Time” e il singolo da discoteca “Dance of Love“.

Negli anni novanta pubblicò album come “Serenade”, “Immortal” e in “Holland” dove mescolava strumenti ellenici tradizionali ed elettronici di nuova generazione. Nel 2002 fece un tour nel Regno Unito e duettò con Ivana Spagna nel brano “Tears of Love“.

Molto legato all’Italia, dove iniziò con successo la sua carriera da solista, il 19 settembre 2008 è stato ospite della trasmissione Rai I migliori anni, dove applauditissimo dal pubblico, ripropose il suo grande successo “Forever and Ever”.

Alessandra Daniele