Dal 18 al 26 settembre la rassegna di teatro organizzata dal Teatro delle Donne.

ragonese-dona-pagina-avamposti2Nove giorni densi di appuntamenti in occasione della rassegna “Avamposti CalenzanoTeatroFestival 015” organizzata dal Teatro delle Donne di Calenzano. Molte le novità e le esclusive proposte, e molti gli spazi coinvolti nell’iniziativa. A cominciare dal Museo Nazionale del Bargello di Firenze che il 18 settembre ospiterà in esclusiva regionale “Italia numbers” di e con l’attrice Isabella Ragonese e la cantautrice Cristina Donà. Le due artiste, grazie ai testi di Stefano Massini e Paolo Cognetti, accompagneranno lo spettatore in un originale viaggio alla riscoperta delle vittime di un’Italia violenta. Nella stessa sera, alla Casa del Popolo di Calenzano, gli allievi del secondo anno della scuola di recitazione Calenzano Teatro FormAzione metteranno in scena “7 minuti” di Stefano Massini, una vertiginosa drammaturgia che vuole interrogare un’Europa dilaniata dalla crisi economica. Il 25 settembre, al ristorante La Giara, Giulia Pont proporrà la sua cena con spettacolo “Ti lascio perché ho finito l’ossitocina”, un divertente gioco dove il dramma della fine di una storia d’amore cerca la propria soluzione nel potere terapeutico del teatro.

ava-desaparecidosAl Teatro Manzoni di Calenzano, cuore dell’iniziativa, andranno in scena “Maternity blues (from Medea)” di Grazia Verasani, con Amanda Sandrelli, Elodie Treccani, Xildha Lapardhaja ed Elena Arvigo, una riflessione sull’istinto materno attraverso la storia di quattro donne che, colpevoli di aver ucciso i propri figli, si incontrano in un carcere psichiatrico (19 settembre, in esclusiva regionale); a seguire “Morsi a vuoto” di Francesco d’Amore e Luciana Maniaci, un lavoro incentrato sulle nostre inquietudini interiori (20 settembre, in prima regionale) e “Tony Pagoda. Ritorno in Italia” con cui prosegue la collaborazione tra Paolo Sorrentino e Iaia Forte (22 settembre, nuova produzione). Interessante poi la ripresa di “4:48 Psychosis”, l’ultimo testo scritto da Sara Kane e interpretato, per l’occasione, da Elena Arvigo (23 settembre, prima regionale). Segue “Una madre lo sa. Tutte le ombre di un amore perfetto”, una serie di letture per presentare l’ultimo progetto di Amanda Sandrelli ispirato al libro di Concita De Gregorio (24 settembre, anteprima reading). Infine, il gruppo Instabili Vaganti, con “Desaparecidos # 43. Acción Global por Ayotzinapa”, darà voce alla drammatica vicenda dei quarantatré studenti “desaparecidos” ad Ayotzinapa, in Messico, il 26 settembre del 2014 (26 settembre, prima nazionale).

In contemporanea, alla biblioteca civica di Calenzano, si svolgeranno incontri, letture, proiezioni di film e spettacoli per bambini a cura della bravissima Silvia Frasson. Il programma completo del festival alla pagina http://www.teatrodelledonne.com/avamposti-2015.htm

Lorena Vallieri