Il secondo incontro partenopeo di Una favola di Campania – nell’ambito del Napoli Teatro Festival Italia – ha avuto luogo ancora nell’elegante cornice di Villa Pignatelli e per protagonista, dopo Umberto Orsini,  un altro attore non napoletano e di ben altra generazione ma della medesima professionalità: Claudio Santamaria. Accompagnato sempre dall’Orchestrina Musica da Ripostiglio – Luca Pirozzi (chitarra e voce), Luca Giacomelli (chitarre), Raffaele Toninelli (contrabbasso), Emanuele Pellegrini (batteria e percussioni) – anche Santamaria ha letto quattro racconti della tradizione campana: Bernardino della Francia, Il leone d’oro, La donna e il diavolo e Il re penna in culo. Vestito di tutto punto in nero, appoggiato al leggio e tenendo sempre la matita tra le mani Claudio Santamaria passa da una fiaba all’altra con disinvoltura, alterna dialetti, claudica leggermente nel nostro ma si mette in gioco, commenta con gli occhi, gesticola tanto mimando inconsapevolmente le scene, ammicca l’orchestrina, improvvisa, ironizza, strappa la risata. Un’ora scorre piacevolmente e sulle battute finali Santamaria regala al pubblico un fuori programma, canta accompagnato dall’impeccabile e simpatica orchestrina Re Carlo di Fabrizio De André, una scelta magari poco pertinente ma che in ogni caso conquista il pubblico.

Mariarosaria Mazzone

Napoli Teatro Festival Italia

Una Favola di Campania – Claudio Santamaria

Villa Pignatelli, 30/06/2016

UN PROGETTO DI MARCO BALSAMO
REGIA di FABRIZIO ARCURI
CON UMBERTO ORSINI, CLAUDIO SANTAMARIA, ISABELLA FERRARI, LEO GULLOTTA, VINCENZO SALEMME, GIULIANA DE SIO, ALESSANDRO HABER, GIANCARLO GIANNINI, ISA DANIELI, GIUSEPPE BATTISTON
MUSICA DAL VIVO ORCHESTRINA MUSICA DA RIPOSTIGLIO
PRODUZIONE
NUOVO TEATRO SRL