In conferenza stampa conferito al teatro il Pegaso d’Argento del Consiglio Regionale della Toscana.

Trent’anni di attività e tanti traguardi raggiunti, non ultimo la qualifica nazionale di Centro di Produzione Teatrale conferita dal Ministero dei Beni Culturali all’Associazione Pupi e Fresedde – Teatro di Rifredi lo scorso 3 luglio. Un riconoscimento che, unito a quelli assegnati al Teatro della Pergola e al Teatro Era di Pontedera fusi insieme in Teatro Nazionale e alla Compagnia Virgilio Sieni intitolata Centro di Produzione della Danza, sancisce il primato della Toscana. Non poteva trovare modo migliore per festeggiare i suoi 30 anni il Teatro di Rifredi che, durante la presentazione della stagione teatrale in partenza il 15 ottobre, ha inoltre ricevuto il Pegaso d’Argento del Consiglio Regionale della Toscana consegnato dal presidente Eugenio Giani. Presenti alla conferenza stampa anche il sindaco Dario Nardella e Giovanna Malgeri, presidente della Società di Mutuo Soccorso di Rifredi, da sempre accanto al teatro nel suo lungo e ricco percorso.

08-selfieAl di là dei riconoscimenti pubblici, però, bisogna guardare al concreto e una nota di merito va al Rifredi per la presenza delle nuove generazioni con ben 6 spettacoli in cartellone: “Selfie” di Lorenzo Baglioni, autoritratto del nostro tempo che racconta in modo ironico l’impatto delle nuove tecnologie sul quotidiano; “Presunzione” con la regia di Edoardo Zucchetti, spettacolo sull’amore ambientato in una tenda canadese dove i protagonisti trovano rifugio per una vacanza fuori dal tempo; “Bent” della Compagnia Cervelli in Tempesta, testo che riporta alla luce il tema poco trattato della repressione e dello sterminio degli omosessuali da parte dei nazisti; “La parte migliore di me” della compagnia livornese Orto degli Ananassi, che tratta la scottante questione dell’affido e della paternità; “La Fantasia” del trio Pasquale Scalzi, Francesco Dendi, Edoardo Nardin, viaggio nell’arte della fantasia attraverso Bruno Munari; infine la Compagnia Junior Balletto di Toscana porta in scena “Romeo e Giulietta” nella versione coreografica di Davide Bombana.

21-Acquasanta_Carmine Maringola©Giuseppe_Di_Stefano_ridMolte le collaborazioni su cui Giancarlo Mordini pone l’accento, tra cui il nuovo percorso iniziato con Antonella Questa, autrice e interprete insieme a Giuliana Musso e Marta Cuscunà di “Wonder woman”, riflessione sul ruolo della donna tra fumetti ed economia mondiale, e con Ciro Masella, che porterà in scena “Aminta” di Torquato Tasso in uno spettacolo «luminoso» che parla dei capricci d’amore giovanili. L’attore sarà presente anche in “Thanks for vaselina” di Carrozzeria Orfeo, spettacolo dissacrante molto atteso a Firenze dopo il successo riscontrato in altri teatri italiani. Si rinnova anche quest’anno la partecipazione del Rifredi al Queer Festival con due appuntamenti imperdibili: per la prima volta in Italia i campioni argentini del teatro fisico Alfonso Barón e Luciano Rosso con “Un Poyo Rojo”, una miscela di danza, ginnastica acrobatica, sensualità e ironia; torna la prorompente compagnia Vuccirìa Teatro con “Battuage”, ultimo lavoro di Joele Anastasi. Ritornano anche: Emma Dante con “Acquasanta” e la Rimbamband con un nuovo spettacolo. Ancora, il capodanno si festeggia con l’International Visual Theatre: di nuovo a Firenze la compagnia Yllana di Madrid con “Baciamo le mani”, in esclusiva in Italia uno spettacolo sul mondo dei gangster e dei fumetti.

Carmela e Paolino foto Barbara Paveri__IMG_7064ridSempre parlando di produzioni, per il secondo anno consecutivo Pupi e Fresedde propone il fortunato “La bastarda di Istanbul” con Serra Yilmaz, saga familiare inter-etnica dal romanzo di Elif Shafak, mentre stavolta “L’ultimo harem”, giunto al suo dodicesimo anno di repliche, sarà al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio. Un nuovo progetto di collaborazione con i teatri dell’area metropolitana, infatti, vedrà il teatro di Campi ricambiare con la produzione di “Attaccante nato” di Andrea Bruno Savelli, commedia sulla vita del calciatore Stefano Borgonovo, e il Teatro Verdi ospitare in stagione “L’intrusa” con Lucia Poli, produzione Pupi e Fresedde, in scena al Salone del Relais Santa Croce. Tra le riprese in stagione, inoltre, segnaliamo: “Carmela e Paolino” e “Giornalino di Gian Burrasca”.

10-la meccanica dell'amore_1irdAnche se quest’anno il Teatro di Rifredi apre maggiormente le porte a eventi nazionali, non tralascia la sua tradizione di teatro stabile di innovazione della Toscana ospitando diverse compagnie regionali. Apre la stagione, infatti, la Compagnia Il Grillo con “Casa nova, vita nova” per la regia di Angelo Savelli, teatro-cronaca degli anni ’50 che narra la chiusura delle case di tolleranza, seguita da Arca Azzurra Teatro e Alessandro Benvenuti rispettivamente in “Il malato immaginario” e “Benvenuti in casa Gori”. Ospiti anche la Compagnia degli Onesti con “La fortuna si diverte” del livornese Athos Satti, in scena Daniela Morozzi ed Emanuele Barresi, e Teatri d’Imbarco con il nuovo spettacolo di Nicola Zavagli “Avventuroso viaggio a Olimpia”. Infine, Alessandro Riccio torna insieme a Gaia Nanni con “La meccanica dell’amore” e chiude la stagione con la nuova produzione “Roba da duri”, un modo diverso di raccontare le favole di Esopo.

Infine molto spazio viene dedicato al teatro per le scuole e per ragazzi, spettacoli curiosi e divertenti pensati per le giovanissime generazioni con finalità didattiche tra cui “Nel mezzo del cammin”, “Operette morali ed altri strali”, “Uno, nessuno, centomila… Pirandello”, “Hansel e Gretel… ovvero la trappola perfetta”. Novità di quest’anno le Domeniche da favola in collaborazione con Il Paracadute di Icaro e Rete Arti.

Per maggiori dettagli sul programma visitare il sito del teatro http://www.toscanateatro.it/

Mariagiovanna Grifi