“NARCISO_IO”, uno specchio che riflette l’umanità

By | 7 Dicembre, 2015|Danza|

Il narcisismo di Marta Bevilacqua e Leonardo Diana al Teatro Cantiere Florida. La collaborazione tra Compagnia Arearea e Versiliadanza, diretta da Angela Torriani Evangelisti, porta “Narciso_Io” al Teatro Cantiere Florida di Firenze. Il 22 novembre a dominare il palcoscenico sono Marta Bevilacqua e Leonardo Diana, interpreti di uno spettacolo che appare tra i primi titoli [...]

Commenti disabilitati su “NARCISO_IO”, uno specchio che riflette l’umanità

“Le mille e una notte”: storia di una plurisecolare violenza di genere

By | 1 Dicembre, 2014|Recensioni|

Il Teatro del Carretto parte dal grande classico arabo per riflettere e sensibilizzare sul tema del femminicidio. “Le mille e una notte”. Un titolo che evoca paesaggi esotici, sensuali principesse, fortunati e coraggiosi eroi, incredibili avventure che fanno sognare adulti e bambini. In pochi si fermano a riflettere sulla cornice di quelle fiabe: il re [...]

Commenti disabilitati su “Le mille e una notte”: storia di una plurisecolare violenza di genere

Giulia Narciso, scrittrice in rampa di lancio
“Quando i dettagli diventano romanzo”

By | 8 Settembre, 2014|"Inter nos", Libri, News libri|

  E' al suo primo romanzo, Giulia Narciso, e "Yes, She Cannes" (Betelgeuse editore) conferma che, se il buongiorno si vede dal mattino, di questa giovane donna stabiese, che da anni vive in Francia, ne sentiremo parlare.... Giulia, hai appena pubblicato il tuo primo romanzo all’età di 35 anni; la tua passione per la scrittura [...]

“Yes, She Cannes” per Betelgeuse editore
L’esordio sfolgorantedi Giulia Narciso

By | 8 Settembre, 2014|Libri, News libri, PRIMA PAGINA|

In tutte le librerie il travolgente, dissacrante, sorprendente romanzo d'esordio di una napoletana in Francia   GIULIA NARCISO YES, SHE CANNES il disperato caso di Manuela Mattei BETELGEUSE EDITORE «Dove credi di andare? Il nostro lavoro è appena cominciato». «Come può credere che rimarrò qui impassibile ad osservarla ridere di me e compiacersi dei miei difetti?». [...]