Il 3 febbraio, dopo un silenzio lungo tre anni, ritorna finalmente Bob Dylan, uno dei più grandi cantautori del panorama musicale internazionale. Ha quasi 74 anni, ormai, e dopo una carriera lunga una vita, sembra non voler ancora abbandonare gli scenari più importanti che nel corso degli anni è riuscito a conquistarsi. Torna con la solita energia, con la sua caratteristica forza interpretativa, ma stavolta lo fa in un modo completamente diverso.

Shadows in the Night”, sarà sia per contenuti, che per pubblico destinatario, una novità assoluta. Il disco, infatti, porterà con se, tra le altre, due grandi novità. Una scelta strategica ben precisa la sua, che sceglie di parlare ad una platea di “over 50” per presentare un disco in cui rifà dieci grandi successi del grande Frank Sinatra.

Bob Dylan, per lanciare il suo nuovo disco, ha scelto appunto il magazine dell’American Association of Retired Persons, regalando, a 50 mila pensionati abbonati scelti a caso (su 35 milioni), il suo album. Tra i successi inclusi nell’LP è possibile trovare “Autumn Leaves”, “That Lucky Old Sun”, “Stay With Me”, il tutto con un accompagnamento musicale ridotto solo a cinque strumenti. Bob Dylan, con questa strategia molto simile a quella utilizzata dagli U2 con il lancio del loro ultimo disco (su iTunes), ha ricevuto diverse critiche per questa scelta, anche se, come sostiene il cantautore stutunitense, cerca di avvicinarsi ad una generazione che ha sempre saputo comprendere al meglio il suo lavoro.

Luigi Di Razza