La “Retorica” di Aristotele come fonte di ispirazione per l’ultimo progetto del coreografo di origine tibetana.

Forza e precisione, armonia e passione per “PaǀEthos”, la coreografia di Sang Jijia presentata in prima assoluta al Teatro Era di Pontedera in occasione della XXIIa edizione di Fabbrica Europa. Il coreografo di origini tibetane, già apprezzato lo scorso anno in “As if to nothing”, eseguito in prima europea dalla City Contemporary Dance Company di Hong Kong al Teatro dell’Opera di Firenze quale evento conclusivo della scorsa edizione del festival, ha sviluppato un discorso sui due concetti fondamentali della “Retorica” di Aristotele: ethos e pathos. Sul primo si concentra la parte iniziale dello spettacolo, visivamente giocata sulle sfumature del grigio. I movimenti perfettamente inseriti nello spazio e la precisione nelle reciproche relazioni tra i danzatori esprimono le rigide regole sociali che dettano i rapporti interpersonali. Al contrario la seconda parte, giocata sul contrasto tra bianco e nero (bellissimo il disegno luci di Marco Policastro), vuole richiamare i concetti di passione e sentimento, espressi con una notevole forza comunicativa. Le fattezze fisiche dei protagonisti sono ora sfumate grazie al trucco, una polvere bianca che ricopre volto e capelli, perché ciò che vediamo è la verità dell’anima, messa a nudo dalla danza. E bellissimo è il movimento finale quando, a luci già spente, si continua a intravedere una ballerina che si muove nell’ombra.

Lo spettacolo è anche un ambizioso progetto internazionale che vuole sperimentare nuove modalità di coproduzione sulla creazione contemporanea. Sono infatti coinvolte la Fondazione Milano Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi (i cui danzatori hanno interpretato la prima parte dello spettacolo), la Spellbound Contemporary Ballet (che ha eseguito la seconda parte) assieme ad alcuni importanti organismi quali Marche Teatro – Danza alle Muse, Bejing Dance Festival e Guangdong Dance Festival. Si avvale inoltre della presenza del compositore Dickson Dee e della collaborazione di Luca Brinchi e Roberta Zanardo / santasangre.

Pontedera (PI) – TEATRO ERA, 8 maggio 2015

Lorena Vallieri

PAǀETHOS – coreografia: Sang Jijia; compositore: Dickson Dee; live video: Luca Brinchi e Roberta Zanardo / santasangre; disegno luci: Marco Policastro; costumi: Giuseppina Maurizi; assistenti alla coreografia: Yanan Yu e Adriana De Santis; produzione: Fabbrica Europa per le arti contemporanee, Fondazione Milano Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, Spellbound Contemporary Ballet, Marche Teatro – Danza alle Muse, Bejing Dance Festival, Guangdong Dance Festival; partner per la residenza di creazione: Fondazione Teatro della Toscana, Centro per la sperimentazione e la Ricerca Teatrale di Pontedera; sponsor tecnici: Teatro Greco – E.C.O. Italia, Cyberaudio, Noise Asia Ltd.

Danzatori: Francesca Bugelli, Pierluigi Castellini, Donato Demita, Liber Dorizzi, Elena Fontana Paganini, Giovanfrancesco Giannini, Helena Mannella, Sara Paternesi, Filippo Porro, Yanan Yu (I parte*).

Maria Cossu, Mario Laterza, Giuliana Mele, Claudia Mezzolla, Giovanni La Rocca, Cosmo Sancilio, Yadira Rodriguez Fernandez, Violeta Wulff Mena, Fabio Cavallo
(II parte).

(*) la musica originale della I parte è tratta da “Pathos” di Dickson Dee ed è stata realizzata con il contributo della Composers and Authors Society of Hong Kong (CASH).