16_newsSono ben dieci le candeline che spegnerà sulla propria torta quest’anno “La corte della formica”, la più longeva rassegna di corti teatrali del sud Italia, ancora una volta organizzata dall’associazione Teatro a Vapore di Manuela Schiano Lomoriello sotto la direzione artistica di Gianmarco Cesario, che prenderà il via il 21 ottobre presso il Piccolo Bellini di Napoli.

Proprio per festeggiare l’importante anniversario, oltre ad accogliere la presenza di novità assolute per il palco della “corte”, sono state invitate molte delle compagnie vincitrici delle passate edizioni a partecipare nuovamente alla gara con nuovi lavori che, attraverso la decisione di una giuria, quest’anno particolarmente nutrita, tenteranno di accaparrarsi i premi messi a disposizione dall’evento e confezionati dalle mani dei Fratelli Scuotto, apprezzati artisti ormai legati alla rassegna.

La giuria, che decreterà i vincitori nella serata finale, che si terrà presso lo stesso teatro e presentata da Antonio Mocciola e Titti Nuzzolese, e composta da molti artisti e giornalisti che hanno già rivestito questo ruolo, accompagnati da alcune new entry, sarà presieduta da tutti i quattro presidenti che si sono passati la staffetta in questi anni, ovvero l’attore Lucio Allocca, i registi Claudio Insegno e Carlo Cerciello e Gerardo D’Andrea, organizzatore del Positano Teatro Festival che da anni seleziona a suo insindacabile giudizio tre dei corti presentati ogni anno da portare in costiera per una serata speciale.

Diversamente dallo scorso anno in cui ogni triade di corti teatrali era in scena per una sola sera, quest’anno gli appuntamenti raddoppiano: le diciotto proposte saranno infatti in scena due sere ciascuna, offrendo dunque l’opportunità ad un maggior numero di spettatori di assistere agli spettacoli, sia attraverso l’acquisto di un biglietto singolo al prezzo di 12€ per la visione di tutti e tre i corti della serata oppure con l’acquisto di un abbonamento a 60€, selezionando il turno dei giorni pari o dei giorni dispari, per coprire l’intera rassegna e avere la possibilità di votare per assegnare il premio speciale del pubblico.

Ancora una volta “La corte della formica” metterà sotto i riflettori il mondo dei corti teatrali, genere che trova sempre poco spazio, ma che racchiude in pochi minuti tutto il sapore del vero teatro.

Gaetano Cutri