aznavour

Dal titolo secco “Io tra di voi”, che tanto ricorda il brano più celebre del suo repertorio, lo spettacolo firmato da Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola” potrebbe rappresentare un semplice recital dedicato alla figura del grande Charles Aznavour, ma quello che si viene a creare sulle tavole del palcoscenico è in realtà molto di più. Un ottimo Massimo Masiello, accompagnato al pianoforte da Mariano Bellopede, che si è anche occupato dell’arrangiamento dei brani, tesse una tela che va ben oltre l’excursus musicale tra i pezzi del cantante francese, raccontando la storia di Goran, un profugo croato che abbandona gli orrori della guerra per ritrovare la serenità in Italia. La grande passione della madre del protagonista per Aznavour permette di scandire tutte le fasi dello spettacolo con alcune tra le più belle perle dell’artista, dalla celeberrima “Lei” fino ad una strepitosa interpretazione di “Quello che si dice”. La grande voce di Masiello, l’ottima scrittura di Cesario e Mocciola e la bravura di Bellopede rappresentano un ottimo mix per celebrare un cantautore tra i più emblematici degli ultimi anni.

Gaetano Cutri