Felicità e controllo nella seconda serata della IX edizione di Zoom Festival al Teatro Studio di Scandicci.

1414221277_10257348_968959743120676_6887768680873329777_oSembra di aver assistito al gioco dei contrari la sera del 4 novembre al Teatro Studio Krypton di Scandicci, quando in occasione del secondo appuntamento con lo Zoom Festival (dal 3 all’11 novembre 2014) sono stati presentati i due spettacoli “Io sono felice” di Laura Bandelloni e Alessio Martinoli e “Miniballetto n.1” di CollettivO CineticO (vincitrice del premio Rete Critica come migliore compagnia 2014). In entrambi, infatti, sono state affrontate tematiche alquanto complesse quali la felicità e il controllo, ma guardate da una prospettiva diametralmente opposta.

1978670_681906678526900_1771518382_nLe aspettative non sono state appagate dopo la performance della coppia Bandelloni/Martinoli che recitava “Io sono felice e alla fine dello spettacolo lo sarete anche voi”. Sebbene le intenzioni ci fossero tutte, i due probabilmente si sono fatti un po’ prendere la mano nel dimostrare che, nonostante i motivi per essere tristi siano sempre tanti (troppi), la felicità, ricercata, agognata, teorizzata, sta in fondo nelle piccole cose quotidiane. Proprio come dimostra il libro di Francesco Piccolo “Momenti di trascurabile felicità” in cui l’autore dipinge simpaticamente, e realisticamente, i banali attimi di piena soddisfazione umana. Non serve certo scomodare i grandi filosofi della storia o le confessioni religiose di varia cultura e neanche la Costituzione per capirlo; a volte un caffè e biscotti con amici (e anche con i propri spettatori), o il parlare schiettamente con una persona cara aprendole il proprio cuore, può davvero innalzare l’umore fino alla felicità. La coppia però ha voluto strafare con un “pastiche” di filosofia, letteratura, teatro, canzoni, video e un lungo e noioso album di fotografie (delle loro gite) da sfogliare con il pubblico. Si è trattato di un esperimento e, come spesso accade, ci si accorge che a volte fare meno dona di più.

Non si è smentito il CollettivO CineticO presentando, invece, “Miniballetto n.1”, un lavoro minuzioso e degno di nota. Ironia del destino, per confermare quanto detto sopra: alta qualità in soli 25 minuti. In scena Francesca Pennini, abile e agile danzatrice, il cui corpo è una molla che fluttua nello spazio con leggerezza e sinuosità. Lo studio alla base della coreografia concepita dalla Pennini (dramaturg e pilota Angelo Pedroni) è il movimento di uccelli e insetti, animali a stretto contatto con l’aria e capaci, in un certo senso, di dominarla. E il controllo, appunto, è protagonista di questo suggestivo “miniballetto” grazie all’equilibrio e al respiro. Ma la vita sfugge spesso al nostro controllo in un turbinio di sensazioni che giungono inaspettate, come il drone che la danzatrice pone sulla scena e che, innalzandosi e abbassandosi, distribuisce ovunque le candide piume bianche accumulate al centro. La loro luminosità e morbidezza ci suggerisce che in fondo anche il caos può generare serenità.

Scandicci (Fi) – TEATRO STUDIO KRYPTON, 4 novembre 2014.

Mariagiovanna Grifi

IO SONO FELICETesto, regia e interpretazione: Laura Bandelloni, Alessio Martinoli; Compagnia: Bandelloni/Martinoli.

MINIBALLETTO N.1Concept e coreografia: Francesca Pennini; Dramaturg e pilota: Angelo Pedroni; Compagnia: CollettivO CineticO.