PAULNEW YORK Il Metropolitan Museum of Art, di New York, uno dei più grandi ed importanti musei del mondo, conosciuto anche come “Met”, dal 19 novembre 2014 al 15 marzo 2015, ospiterà alcuni ritratti di Hortense Fiquet, moglie del famosissimo pittore francese, Paul Cèzanne. Tale mostra, ha come obiettivo principale quello di voler raccontare la complessa relazione esistente tra i due coniugi, malvista dalla famiglia di lui che gli vietò gli aiuti economici fino alla morte del padre, Louis-Auguste, ricco banchiere e titolare di una grande fabbrica di cappelli, dal quale, Cèzanne, ereditò una cospicua fortuna. In esposizione sono presenti ben 24 ritratti di colei che fu musa ispiratrice della maggior parte della produzione artistica di Paul, tra cui : ”Madame Cézanne nella serra” del 1861 e “Madame Cézanne in vestito rosso”del 1888. Il primo è un’opera che rivela la straordinaria capacità d’osservazione dell’autore, che riconoscendo la presenza di un’altra realtà estranea al suo modo di vedere Hortense, la ritrae nella totale semplicità con la quale si manifesta nello spazio che la circonda. Tutto è importante e tutto è sé stesso. L’opera pittorica di Cèzanne, all’apparenza asettica, consente liberazioni stilistiche esteriori che gli riconoscono il merito di essere stato il primo artista ad aprire le porte all’arte moderna, avviandone il percorso e indirizzandola verso le nuove direzioni. Egli è alla costante ricerca di quell’equilibrio fra la realtà esteriore e la coscienza interiore, inseguita attraverso lo studio di uno spazio da realizzarsi in forme e prospettive, volto a semplificare la sostanza delle cose, dove le emozioni sono concretizzate dal disegno e dal colore. Dopo essersi ammalato di diabete, Cèzanne, morì all’età di 67 anni per una polmonite procuratagli una settimana prima da un violento acquazzone, che lo colpì mentre dipingeva all’aperto.

 

Fabiana Laganà