Arca Azzurra Teatro presenta l’attore toscano e la sua novità drammaturgica in prima fiorentina.

Una pièce teatrale nuova di zecca e dai risvolti piacevolmente inimmaginabili quella di Alessandro Benvenuti, al Teatro Puccini di Firenze con “Chi è di scena”, drammaturgia originale e fresca di inchiostro che lo vede sul palcoscenico insieme a due eloquenti interpreti, Maria Vittoria Argenti e Paolo Cioni, compagni artistici della tournée che proseguirà per tutto febbraio 2016. Una trama suggestiva e tinta di suspense fin dall’esordio, dove ad accogliere il pubblico è proprio l’attore toscano, comodamente seduto in poltrona in attesa di un bizzarro ospite in possesso delle chiavi della sua residenza. Tra i due ha subito inizio un’intrigante conversazione, che si svela nel rilascio di un’intervista all’aspettato visitatore – fan accanito dell’eccentrico padrone di casa, illustre uomo di teatro ormai scomparso dalle scene – ma che cela misteriosi ed oscuri moventi. Cheta ascoltatrice di questo enigmatico rendez vous benvenutiano è una giovane donna, adagiata seminuda su un’elegante greppina, che pare dormire sonni beati.

Nel tentativo di scoprire la coinvolgente sciarada in atto, si susseguono sketch di animata ricerca della verità, qualunque essa sia. La realtà sconfina in intessiture non etichettabili, in un gioco narrante respirato, toccato e vissuto dagli stessi attori in scena, un artificio teatrale all’interno della medesima pièce bien fait rappresentata, capace di coinvolgere lo spettatore nelle finzioni polisemantiche dei tre personaggi implicati. Ma ‹‹tutto a un tratto accade per miracolo››, l’intero impianto metateatrale viene rivelato in un finale affatto scontato, una sorte moderna ed attuale che affianca i tre protagonisti messi alle strette da un amaro dilemma ormai non prorogabile: ‹‹la vita ci condanna a uno stato di improvvisazione permanente, e se non sai rispondere alle sorprese sei un uomo disarmato››.

Un lavoro di spessore quello di Alessandro Benvenuti, che affronta senza esitazione alcuna temi di consistente attualità, il tutto minuziosamente servito con il suo stile raffinato e distinto, espertissimo nell’affinare universi multilinguistici ricercati e di sottile ironia. Una comicità mordace che ben si amalgama con le due personalità più giovanili sul palco, abili nel tenere testa con innata naturalezza al suo charme contraddistinto e alle continue agnizioni proposte. Ecco che questa sua nuova drammaturgia sembra incarnare le sembianze di un setting terapeutico, uno spazio fisico e mentale che con estrema sensibilità non risparmia suggerimenti taglienti, supportando dubbi e perplessità del suo pubblico e dei suoi interlocutori, in un viaggio dove ‹‹ognuno scopre l’America che può››. Contagiati da questa emotività tutt’altro che convenzionale, e coinvolti da questa ricca esperienza relazionale, rimane la consapevolezza che alla fine dell’incontro ci sia stato un guadagno per tutti, con ‹‹l’unica medicina capace di miracoli: il teatro››.

Firenze – TEATRO PUCCINI, 29 gennaio 2016

Mara Marchi

CHI E’ DI SCENARegia: Alessandro Benvenuti; Produzione: Arca Azzurra Teatro; Sceneggiatura: Alessandro Benvenuti; Interpreti: Alessandro Benvenuti, Maria Vittoria Argenti, Paolo Cioni.