notte dei musei.jpg 1Sabato 16 maggio 2015, si riconfermerà in tutta Europa, il prestigioso appuntamento con la “Notte dei Musei”, sostenuto dal Consiglio d’Europa, che offrirà l’opportunità di visitare i più importanti luoghi d’arte e di cultura durante le ore serali, gratuitamente o alla simbolica cifra di un euro. Un evento a dir poco geniale e strategico, soprattutto per l’Italia, grazie al quale indirizzando l’attenzione dell’opinione pubblica sull’arte, sarà più facile valorizzare i punti di forza della nazione risollevandola dalla crisi economica che l’ha devastata negli ultimi anni. Ecco alcuni degli eventi programmati in città dalle istituzioni non statali. Museo Madre: mostrerà sia le collezioni permanenti, sia la rassegna in corso di Daniel Buren, “Come un gioco da bambini lavoro in situ”. Complesso Monumentale San Gennaro all’Olmo: in esso si terrà lo spettacolo teatrale nato per descrivere la vita e le opere della pittrice Artemisia Gentileschi, decisa ad affermare la propria indipendenza in un contesto maschile, quale il Complesso Monumentale San Gennaro all’Olmo. Chiesa di San Severino e Sossio: sarà aperta a partire dalle ore 20.30, e intratterrà il pubblico con un invitante aperitivo finale a cura di Touring Club Italiano. Museo del Mare: in esso si svolgeranno ben tre eventi: quello previsto per le ore 18, sussisterà in un “omaggio poetico/musicale a Napoli” donato da Massimiliano Caputo e Gianni Festinese, il secondo intitolato “Il Viaggio di Artemisia” tratto dal romanzo di A. Banti, con Laura Ricci e con la regia di Giorgia Palombi, riproporrà la storia della pittrice Artemisia Gentileschi, l’ultimo “Osservazione della Volta Celeste” darà invece ai visitatori l’opportunità di scrutare la volta celeste attraverso i telescopi del museo. Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco: tale complesso sarà attrezzato per accogliere “la Notte dei Paramenti”, singolare e rara circostanza durante la quale verranno aperti gli ampi armadi in noce della Camera Sancta, sormontati da resti di ossa umane, custodi di addobbi per ornare il pio luogo e di paramenti indossati dal clero durante le funzioni religiose Museo Pio Monte della Misericordia: è stato scelto dall’Associazione Culturale NarteA per promuovere “Captivi”, una visita guidata teatralizzata, recitata da attori professionisti in memoria della Redentione dei Captivi. Palazzo Zevallos Stigliano: oltre al Concerto con repertorio cameristico tedesco che si terrà alle ore13, a cura del Dipartimento di Musica da Camera del Conservatorio Domenico Cimarosa di Avellino, dalle ore 20 alle 24, il palazzo schiuderà le sue facoltose Gallerie, all’interno delle quali è custodito anche l’ultimo capolavoro di Caravaggio, il “Martirio di sant’Orsola”.

Di Fabiana Laganà